aironeinforma.it


Vai ai contenuti

Menu principale:


Duomo di Sant'Andrea

la guida di Veroli > Le Chiese

DUOMO DI SANT'ANDREA
testi di Loredana Stirpe
fotografie di Antonio Grella

facciata esterna del Duomo

Il Duomo di Sant’Andrea sorge su Piazza Mazzoli che occupa l’area del Foro romano. La cattedrale fu costruita nel IV secolo sui resti di un tempio pagano; il documento epigrafico più antico ad essa riferito è un’iscrizione funeraria che ricorda la sepoltura del presbitero Marturio avvenuta nel 384 d.C. A partire dalla seconda metà del secolo XI, ad opera del vescovo Alberto, sotto il pontificato di Gregorio VII, l’originaria basilica paleocristiana fu radicalmente trasformata in una costruzione di impianto romanico. Il terremoto del 1350 danneggiò grandemente l’edificio. Nel corso dei secoli poi la chiesa fu rimaneggiata sia all’interno che all’esterno per cui oggi si ammira un rosone gotico perfettamente conservato sulla settecentesca facciata, mentre l’originario impianto romanico è mantenuto sotto gli intonaci ed i rivestimenti barocchi dell’interno. All’abside, una tela di Giuseppe Passeri(1654-1714) raffigura il martirio dell’apostolo Andrea, fratello di Pietro.


THE DUOMO OF SAINT ANDREW
The Duomo Of St. Andre is erected on Mazzoli Squareeee which occupies the area of the Roman Forum.. The cathedral was built in the IV century on the remains of a pagan temple. The most ancient epigraphic document date back to a funeral inscription which describes the burial of the prist Marturio which occuried in 384 AD. From the beginning of the second half of the XI century the bishop Alberto started to work on the basilica transforming it from a paleochristian basilica to a roman style construction. The earthquake of 1350 greatly damaged the building. In the course of the centuries the church was retouched both inside and outside so that today we can admire a perfectly conserved gothic rose window in the façade of the seven hundreds, while the original roman style remains under the stucco and the baroque style on the inside. In the apsis, a painting by Joseph Passeri (1654 - 1714) shows the martyrdom of the apostle Andrew, Peter's brother. In the right nave there is the Chapel of the Treasures in which are conserved the architectural fragments of the late middle age church, a paleo-christian epigragh and an interesting collection of sacred ornaments of various periods (precious relics, monstrances and ministerial calices). The bust of St. Salome is well-exposed for the view of the faithful, a relic holder is gold plated silver in byzantine style of 1209. An important stauroteca in gold plated silver contains a fragment of the Holy Wood of the Cross of Christ. It's the Holy Cross on which there is the name of the abbot of Casamari John Bove who had it done in1291. On the back side of the cross are modeled in relief the triumph of Christ in the center, in the arms of St. Salome, St. Johnn, St. Peter and an angel holding a solar disc with eight rays, on the top side a cover in filigreed which in the past had covered the relic of the cross while the arms have the symbols of the four evangelists. Parts of this collection contains precious containers in ivory; the most ancient was acquired in the XIX century by the Victoria and Albert Museum O London and is conserved there until today. Some of these containers, The Holy Cross and other relics that are in the custody there in the chapel belonged to the Abbey Of Casamari until the XVI century when the abbot transferred them to the cathedral of Veroli to guarantee their security.


parte centrale del transetto

coro ligneo

navata centrale

Altare

campanile

affresco soffitto navata centrale raffigurante S. Andrea

La Cappella del Tesoro
testi di Loredana Stirpe

Nella navata destra si trova la Cappella del Tesoro in cui si custodiscono frammenti architettonici della chiesa altomedievale, l’epigrafe paleocristiana ed una interessante raccolta di arredi sacri di varia epoca (preziosi reliquiari,ostensori,calici ministeriali). Ben esposto alla visione dei fedeli è il Busto di Santa Salome, reliquiario in argento dorato ed in stile bizantino realizzato nel 1209. Un’importante stauroteca in argento dorato custodisce un frammento del Santo Legno della Croce di Cristo:è la Croce Santa su cui è riportato il nome dell’abate di Casamari Giovanni Bove che nel 1291 la fece realizzare. Sul recto della croce sono modellati, a sbalzo, il Cristo trionfante al centro, sui bracci Santa Salome, San Giovanni , San Pietro ed un angelo recante il disco solare a otto raggi; sul verso un coperchio in filigrana, in passato, copriva la reliquia della Croce mentre i bracci recano i simboli dei quattro evangelisti. Fanno parte di questa preziosa collezione alcuni cofanetti-reliquiario in avorio; il più antico di essi fu acquistato, nel XIX secolo, dal Victoria and Albert Museum di Londra e lì è tutt’ora conservato. Alcuni dei cofanetti, la Croce Santa ed altri reliquiari custoditi nella cappella appartennero all’Abbazia di Casamari fino al XVI secolo quando l’abate li trasferì nella cattedrale di Veroli per garantirne la sicurezza.

Cappella del Tesoro - Croce Santa

Cappella del Tesoro - frammento ligneo contenuto nella Croce Santa

Cappella del Tesoro - Particolare frontale della Croce Santa

Cappella del Tesoro - Particolare nel retro della Croce Santa

Cappella del Tesoro - oggetti sacri e reliquie

Cappella del Tesoro - frammenti dell'antica chiesa

Cappella del Tesoro - Busto contenente il cranio di Santa Maria Salome

Calice e Patena del Miracolo Eucaristico della basilica di S. Erasmo

Porzione della facciata del duomo

Home Page | news | chi siamo | Per le vostre Visite Guidate in Ciociaria | Veroli in video | LA GUIDA DI VEROLI Turist Guide of Veroli | i 91 comuni della Provincia di Frosinone - foto e video | I Grandi Maestri Italiani del Tamburello | Numeri utili del Comune di Veroli | I Buoni Sapori e l'ospitalità nel Territorio | Le Associazioni di Veroli | Siti amici | Siti Istituzionali | Una gita a... | Previsioni Meteo a Veroli | Eventi: archivio fotografico e video | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu